Studio Rag. Mauro Lapini Consulente del lavoro

Vai ai contenuti
InformaUtile > Rapporti di lavoro

Rinunce e transazioni: procedura di negoziazione assistita
artt. 2, 4, 5, 7, 8 e 9 DL 12 settembre 2014 n. 132: GU 12 settembre 2014 n. 212


La disposizione entrerà in vigore decorsi 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto.
Da quella data le rinunce e le transazioni riguardanti diritti inderogabili del lavoratore (derivanti sia dalla legge sia dai contratti collettivi) sono valide e non impugnabili anche quando sono perfezionate a conclusione di una della procedura di negoziazione assistita da un avvocato. La procedura di negoziazione assistita costituisce condizione di procedibilità dell’azione giudiziale, se riguardante crediti patrimoniali di importo non superiore a € 50.000.
Tale ipotesi, infatti, è stata aggiunta alle c.d. sedi protette tassativamente indicate dalla legge (art. 2113 c.c.), che garantiscono – mediante l’intervento di un’autorità terza – un’adeguata tutela della posizione del lavoratore nei confronti del datore di lavoro. Si è creata una nuova procedura di negoziazione assistita, o conciliativa, che ha come attori principali gli avvocati delle parti e senza l’intervento di terzi, sindacalisti o funzionari delle Direzioni Territoriali del Lavoro.
Avvio della procedura:
La procedura viene avviata mediante invito a stipulare una convenzione di negoziazione assistita.
L’invito deve indicare:
- l’oggetto della controversia, che può riguardare solo diritti disponibili;
- l’avvertimento che la mancata risposta all’invito entro 30 giorni dal ricevimento o il suo rifiuto può costituire elemento valutabile dal giudice ai fini delle spese legali e della responsabilità aggravata per lite temeraria;
- la sottoscrizione autografa della parte, autenticata dall’avvocato.
Convenzione:
Se l’invito viene accettato, le parti sottoscrivono un accordo con il quale convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia.
Tale accordo deve:
- essere redatto per iscritto (a pena di nullità) e con l’assistenza di un avvocato, il quale certifica anche l’autenticità della sottoscrizione della parte;
- indicare il termine, non inferiore a un mese, concordato dalle parti per l’espletamento della procedura;
- precisare l’oggetto della controversia.
Trattative:
Nel corso delle trattative, le parti e i loro difensori devono comportarsi con lealtà e buona fede.
Le informazioni ricevute e le dichiarazioni rese:
- devono essere mantenute riservate;
- non possono essere utilizzate nell’eventuale procedimento giudiziale avente in tutto o in parte il medesimo oggetto.
Le parti e i loro difensori, inoltre, non sono tenuti a deporre sul contenuto di tali informazioni e dichiarazioni.
Conclusione:
Se le trattative hanno esito negativo, le parti possono avviare un procedimento giudiziale.
In caso di esito positivo della procedura, invece, le parti e i loro difensori sottoscrivono un accordo (necessariamente conforme alle norme imperative e all’ordine pubblico) che costituisce titolo esecutivo, utile anche ai fini dell’iscrizione di ipoteca giudiziale.
Interruzione della prescrizione e della decadenza:
A partire dalla comunicazione dell’invito o dalla sottoscrizione della convenzione, si interrompe il decorso dei termini di prescrizione e, per una sola volta, di quelli di decadenza.
Tuttavia, se l’invito viene rifiutato o non viene accettato entro il termine di 30 giorni, i termini di decadenza tornano a decorrere dal momento del rifiuto o della mancata accettazione entro il termine. Il medesimo effetto si produce in caso di dichiarazione di mancato accordo certificata dagli avvocati che assistono le parti.


Studio Rag. Mauro Lapini
consulente del lavoro
via 4 novembre 23
50028 Tavarnelle Val di Pesa (Fi)
Torna ai contenuti