Edili individuali e subordinazione in cantieri - Studio Rag. Mauro Lapini Consulente del lavoro

Vai ai contenuti

Edili individuali e subordinazione in cantieri

InformaUtile > Varie Lavoro-Sicurezza

ELEMENTI DI GENUINITÀ PER L’IDENTIFICAZIONE COME
LAVORATORE AUTONOMO

  • Attività senza vincolo di subordinazione

Possesso/disponibilità di macchine e/o attrezzature significative

Pluricommittenza

ELEMENTI PRESUNTIVI PER L’IDENTIFICAZIONE COME
LAVORATORE SUBORDINATO

Attività con vincolo di subordinazione

Mancato possesso/disponibilità di macchine e/o attrezzature significative

Monocommittenza

Aggregazione temporanea di lavoratori autonomi che prescinde da un’organizzazione d’impresa, a cui venga affidata l’esecuzione anche integrale di intere opere edili

Occupazione nelle seguenti attività:
1. manovalanza;
2. muratura;
3. carpenteria;
4. rimozione amianto;
5. posizionamento di ferri e ponti;
6. addetti a macchine edili fornite dall’impresa committente o dall’appaltatore.

Elementi da valutare per un appalto genuino

svolgere esclusivamente l’attività a “monte” o a “valle” del processo produttivo;

  • deve ricevere ordini e direttive esclusivamente dal datore di lavoro/appaltatore;

  • non deve ricevere disposizioni sul lavoro giornaliero da parte dell’azienda committente ma esclusivamente da preposti dell’appaltatore;

  • la disposizione oraria del lavoro deve essere organizzata (es. turni) dall’appaltatore senza alcuna ingerenza da parte del committente;

  • non deve interagire direttamente con il personale del committente;

  • devono operare in aree separate rispetto al personale del committente;

  • le verifiche sul lavoro svolto da parte dei lavoratori dell’appaltatore devono essere effettuate esclusivamente da soggetti dello stesso appaltatore;

  • devono operare in costante presenza dei responsabili dell’appaltatore;

  • l’eventuale timbraggio di cartellini (badge) deve avvenire su macchinari di esclusiva titolarità dell’appaltatore;

  • devono ricevere le richieste di lavoro straordinario esclusivamente dai responsabili dell’appaltatore;

  • devono utilizzare spogliatoi a loro riservati;

  • devono indossare abiti da lavoro e DPI (Dispositivi di Protezione individuali) forniti dall’appaltatore;

  • utilizzano carrelli ed attrezzature fornite dall’appaltatore (fanno eccezione eventuali macchine fisse, imbullonate al pavimento degli stabilimenti e facenti parte della struttura degli stessi);

Gli elementi possino essere considerati dagli ispettori anche singolarmente!!
circolare n.16/12 della Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del lavoro
stampa questa pagina


Studio Rag. Mauro Lapini
consulente del lavoro
via 4 novembre 23
50028 Tavarnelle Val di Pesa (Fi)
Torna ai contenuti